Alimenti per prevenire le pietre di ossalato di calcio

Panoramica

Le pietre renali possono essere molto dolorose. Circa il 10 per cento delle persone li avverte ad un certo punto della loro vita e quasi il 70 per cento li avrà più di una volta. Circa l’80 per cento dei calcoli renali sono costituiti da ossalato di calcio. I cambiamenti dietetici possono contribuire a ridurre il verificarsi e la ricomposizione di queste pietre.

Alimenti ricchi di calcio

Potreste pensare che, poiché l’ossalato di calcio è fatto dal calcio, diminuendo l’assunzione di calcio contribuirebbe a diminuire il rischio di formazione di pietre. Evidenze esasperanti indica che il contrario è vero. Come riportato nel numero di 9 maggio 2006 del “Canadian Medical Association Journal”, gli uomini di una dieta ad alta calcio hanno avuto un tasso significativamente più basso di recidiva di pietra rispetto a quelli a seguito di una dieta a basso contenuto di calcio. La teoria è che alcune forme di calcio alimentare si legano all’ossalato nello stomaco, impedendo il suo assorbimento in una forma che porta a pietre renali. Gli alimenti contenenti alti livelli di calcio includono latte e prodotti lattiero-caseari come yogurt e pesce. Anche se le verdure a foglia verde scuro e le noci possono essere elevate nel calcio, dovrebbero essere evitati in quanto contengono anche alti livelli di ossalato, il che aumenta il rischio di formazione di pietre.

Alimenti a basso contenuto di sodio

Oltre agli alimenti ad alto contenuto di calcio, gli alimenti a basso contenuto di sodio riducono anche il rischio di formazione di pietre. Quando i reni sani lavorano ed escrete il sodio, il calcio spesso viene escreto insieme ad esso. Il consumo eccessivo di sodio aumenta la perdita di calcio, aumentando il rischio di formazione di pietre. Ci sono molti alimenti a basso contenuto di sodio, tra cui la maggior parte delle frutta e delle verdure. Alcuni frutti, come le fragole, tuttavia, dovrebbero essere evitati a causa del loro contenuto di ossalato. Gli alimenti trasformati possono essere alti in sodio, quindi è importante leggere le etichette. Sono disponibili pani a basso contenuto di sodio, fave in scatola, verdure in scatola e zuppe. Mantenere l’assunzione di sodio a meno di 2.000 mg al giorno è ottimale.

Basso contenuto di proteine

Una dieta a bassa proteina può ridurre il rischio di formazione di pietre. La proteina animale riduce l’escrezione dei citrati e aumenta l’escrezione di calcio e acido urico. Si raccomanda di limitare l’assunzione totale di proteine ​​a meno di 80 g al giorno. Diete a basso contenuto di proteine ​​comprendono tipicamente piccole quantità di proteine ​​provenienti da fonti di animali e vegetali, quali pesci, pollame, uova, carne e prodotti lattiero-caseari, considerati proteine ​​di alta qualità o completi, nonché fonti vegetali come Pane, cereali, riso, pasta e fagioli secchi. Tutti questi sono disponibili nelle versioni a basso contenuto di sodio.

acqua

Mentre non è tecnicamente un alimento, aumentando l’assunzione di liquidi riduce in modo significativo l’evento e la ricomposizione di pietre di ossalato di calcio. Quanto più liquido bevi, più le urine si producono, meno è probabile che tu sviluppi calcoli renali. Il tipo di liquido da bere ha qualche portata a tuo rischio, bere caffè e birra ad esempio, diminuisce il rischio di formazione di pietre, mentre bere succo di pompelmo può aumentare significativamente il rischio.